Cestini di Farina Luce® con hummus di ceci e barbabietola

Hai bisogno di idee per un aperitivo o un antipasto sfizioso? Ecco come preparare l'hummus di ceci e renderlo un fantastico finger food, servito in cestini di Farina Luce e colorato con la barbabietola.

Hai bisogno di idee per un aperitivo o un antipasto sfizioso? Ecco come preparare l'hummus di ceci e renderlo un fantastico finger food, servito in cestini di Farina Luce e colorato con la barbabietola.

  • Difficoltà Media
  • Preparazione 10 minuti
  • Cottura 20 minuti
  • Dosi per 15 cestini
  • Adatto a Vegani

Oggi vi racconto un modo semplice e coreografico per preparare e presentare l'hummus di ceci. Lo coloreremo con della barbabietola e lo posizioneremo all'interno di deliziosi cestini di frolla per trasformarlo in un fantastico finger food. Seguitemi!

Preparare i cestini di frolla salata in casa, senza bisogno di ricorrere a prodotti industriali spesso molto elaborati e dalla lista infinita di ingredienti, è un vero gioco da ragazzi. Semplice, divertente e soprattutto davvero sano… a patto di utilizzare ingredienti di vera qualità.

Per la frolla ho utilizzato una farina meravigliosa come la Farina Luce, che è composta da ben 9 varietà di grani antichi coltivate simultaneamente sullo stesso campo. Un prodotto unico nel suo genere!

Per riempire i cestini puoi provare questa combinazione che ho inventato io: scorza di agrumi, morbido hummus di ceci e barbabietola, germogli e semi croccanti per guarnire. Una vera delizia per occhi… e palato!

I cestini con hummus di ceci e barbabietola si manterranno perfettamente croccanti per almeno un paio di giorni avendo cura di conservarli in un luogo asciutto e areato. Anche l’hummus resterà perfetto per 3/4 giorni se conservato in frigorifero. Potrai dunque preparare i vari componenti di questo antipasto con largo anticipo. Ti consiglio però di tritare le zeste solo all’ultimo momento, in questo modo manterrai intatti gusto e profumo.


Ingredienti

Per i cestini:

Per l'hummus:

  • 460 g ceci lessati
  • 300 g barbabietola rossa lessata
  • 25 g cipolla bianca
  • 1 arancia (solo succo)
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 50 g sesamo bianco
  • 25 g olio girasole
  • ½ cucchiaino di semi di cumino
  • q.b. acqua calda / sale / pepe

Per la finitura:

  • 1 cucchiaio di semi di papavero
  • 1 arancia bio solo zeste
  • 1 limone bio solo zeste

Preparazione

  • Setaccia le farine insieme al sale, in un’altra ciotola mescola l’olio con il vino e l’acqua. Unisci i liquidi alle farine e inizia ad impastare con una forchetta, continuando poi con le mani fino ad ottenere un composto ben amalgamato. Forma un panetto e lascia riposare in frigorifero per 30 minuti.
  • Con un tagliapasta a forma di fiore di dimensioni simili agli alloggiamenti della teglia da muffin che andrai ad utilizzare. Ritaglia tante forme, posizionane una in ogni alloggiamento e bucherella con i rebbi di una forchetta.
  • Cuoci la frolla in bianco in forno statico a 200° per 20’. Elimina i pesini (o i fagioli) e prosegui la cottura per altri 5’. Sforna e lascia raffreddare.
  • Per l’hummus tosta in pentola antiaderente il sesamo, una volta dorato frullalo insieme all’olio di girasole aggiungendo acqua calda a filo fino ad ottenere una pastella piuttosto compatta.

  • Frulla la barbabietola rendendola cremosa, frulla anche i ceci e unisci i due composti aggiungendo il succo degli agrumi, la crema di sesamo e il cumino ridotto in polvere con un mortaio. Aggiusta di sale e pepe, trasferisci il composto in una sac-a-poche e riempi i cestini di frolla.
  • Trita finemente a coltello o in un piccolo frullatore le zeste di arancia e limone e dividile nei cestini. Ricopri con l’hummus alla barbaietola e decora con germogli e semi di papavero.

Federica Gianelli dal blog PapillaMonella

Acquista online

Prodotti biologici di alta qualità dai migliori territori d'Italia, con spedizione gratuita da 39€.

Scopri il catalogo

NEWSLETTER NEWS/OFFERTE

Ogni lettore è una persona che sa delle cose in più e che può cambiare il mondo dell'agroalimentare.

Iscriviti alla newsletter

La nostra filiera

La Filiera Biologica AmoreTerra, coltivazioni e trasformazioni, trasparenti in etichetta.

Scopri perché

Condividi