Per quale motivo c’è ancora tanta indifferenza verso l’importanza dell’ecologia? Ecco una risposta (suggerita da Aristotele).

Vi siete mai chiesti quale possa essere una delle cause dell’indifferenza a un tema importantissimo come il rispetto dell’ambiente? Questa domanda così tremendamente semplice ha forse una risposta altrettanto semplice, per quanto triste: oggi non siamo più in grado di meravigliarci di ciò che ci circonda.

Se tutti avessero conservato quel tratto caratteristico e originario dell’animo umano che portava gli uomini ad emozionarsi profondamente dinnanzi allo spettacolo della natura e, talvolta, ad averne anche e soprattutto paura, oggi l’ecologia non costituirebbe un problema globale.

Nonostante si sia fatto molto per portare il tema ambIentale al centro del dibattito etico e politico, viviamo ancora in un mondo che mette la natura in secondo piano. Prima arrivano le quantità di produzione (per buona parte delle aziende agricole non biologiche) o i profitti (per le multinazionali in generale) o la crescita economica (per i governi). Anche la scienza stessa mette spesso la conoscenza in primo piano e la natura in secondo, spingendosi nei suoi esperimenti sugli organismi viventi molto in là, tanto che il dibattito etico sui suoi limiti è ancora aperto e irrisolto.

Come possiamo allora recuperare uno stile di vita e un modo di pensare che abbia come obiettivo la realizzazione di ciò che è giusto in armonia con ciò che ci circonda?

È possibile richiamandosi a uno dei tanti insegnamenti che Aristotele ha lasciato a noi e all’umanità intera. Aristoteleinfatti, primo filosofo a vedere nella natura il cuore della riflessione filosofica fondando una vera e propria scienza della natura, affermò nelle Opere Biologiche che: "In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso".

Non a caso nella immensa produzione scientifica di questo straordinario pensatore, che Dante stesso definì nella Divina Commedia “maestro di color che sanno”, trovano spazio quattro scritti sugli animali (Ricerche sugli animaliLe parti degli animaliIl movimento degli animaliLa generazione degli animali) che costituiranno, per metodi e risultati, la base degli studi biologici fino agli inizi dell’età contemporanea.
Questo interesse di Aristotele per l’universo degli animali, piante e insetti, si spiega in relazione alla sfida intellettuale che la complessità anche del più piccolo organismo rappresenta per chi voglia dare o ricercare una spiegazione dei fenomeni della vita. 

Ciò che secondo Aristotele stupisce l’animo di chi osserva sono le forme e il funzionamento di questi organismi viventi, che rivelano una armonia e una bellezza unica: tra le parti e il tutto emerge un legame funzionale che lascia intravedere un disegno superiore della natura.
Per queste ragioni lo studio scientifico degli animali gode di una dignità superiore: nonostante si tratti di organismi umili in apparenza, la loro comprensione e la conoscenza della loro cause “è più vicina a noi e più familiare di natura, e compensa per certi aspetti la ricerca del dominio delle cose divine”.

Ecco perché quando ci siamo domandati che cosa avremmo potuto fare per evitare il rischio di un decisionismo cieco abbiamo risposto con Aristotele: perché questo filosofo ci stimola ad essere osservatori attenti della realtà e ci incoraggia ad assumere una visione più profonda del mondo e delle cose. Qualsiasi entità, anche la più umile, ha in sé una bellezza ed un fascino unici. L’unico sforzo che dobbiamo compiere è ricordare di guardarci intorno, osservare la natura, sia i panorami che i dettagli più piccoli, e meravigliarci.

Nella foto, un albero ritratto da Myoung Ho-lee. Questo straordinario fotografo sudcoreano riesce a ritrarre il mistero della natura fotografando gli alberi dopo aver posizionato alle loro spalle un grande telo bianco che li isola dallo sfondo e ne cambia la percezione.

Edoardo B. Bonelli La mente è come un paracadute, funziona meglio se è aperta.

Acquista online

Prodotti biologici di alta qualità dai migliori territori d'Italia, con spedizione gratuita da 39€.

Scopri il catalogo

NEWSLETTER NEWS/OFFERTE

Ogni lettore è una persona che sa delle cose in più e che può cambiare il mondo dell'agroalimentare.

Iscriviti alla newsletter

La nostra filiera

La Filiera Biologica AmoreTerra, coltivazioni e trasformazioni, trasparenti in etichetta.

Scopri perché

Condividi